Le 7 regole per la torta di compleanno perfetta

Il compleanno rappresenta uno di quei festeggiamenti universali, comuni a tutte le società, religioni, credenze: bambini ed adulti, ogni anno, sono protagonisti, per un giorno, di una festa completamente dedicata e trascorrono in allegria una giornata insieme agli affetti più cari per salutare l’anno di vita appena trascorso ed accogliere quello nuovo, con tutta la curiosità del mondo verso quello che riserverà.

Il momento clou di questa data importante, però, è sicuramente quello in cui ci si aggrega e si attende lo spegnimento delle candeline… ma non c’è “tanti auguri a te” senza torta!

Come realizzare, quindi, quella perfetta, per fare in modo che incornici nella maniera migliore possibile il classico refrain?

Ecco 7 praticissimi consigli!

#1 – Preriscaldare il forno

Può sembrare un’accortezza da poco, ma accendere il forno almeno una ventina di minuti prima di infornare la torta può essere risolutivo, perché si dà, così, modo alla temperatura di stabilizzarsi in maniera uniforme in tutto l’ambiente.

#2 – Infornare la torta posizionandola al centro

Una volta che la temperatura giusta sarà stata raggiunta (è possibile controllare con un termometro da forno per evitare eventuali sbalzi o errori) si potrà procedere ad infornare la torta: che sia ben posizionata nel centro, in modo da ricevere in basso una cottura più lenta (lievitando meno) e in alto una più veloce (lievitando più vivacemente). Occhio ai forni a gas: in quel caso, per evitare che la base si bruci, meglio prediligere una posizione medio-alta.

#3 – Ingredienti a temperatura ambiente

A meno che la ricetta non lo richieda esplicitamente, meglio utilizzare tutti gli ingredienti, anche quelli che, in genere, si conservano in frigo, a temperatura ambiente: in estate una dimenticanza si risolve in poco tempo, ma in inverno potrebbe diventare un problema, ad esempio, avere a disposizione solo del burro freddo e poco tempo davanti per la lavorazione; meglio appuntarsi di prepararli un po’ di tempo prima.

#4 – Niente grumi

Può sembrare superfluo da dire, ma i grumi vanno evitati sotto qualunque forma: è importante setacciare bene tutti i prodotti asciutti, come la farina, il lievito e il cacao, unirli lentamente, a scaglioni, con gli altri ingredienti, miscelare sempre nello stesso verso e infornare non più di 15 minuti dopo la preparazione dell’impasto; inoltre, mai aprire il forno a pochi minuti di cottura: meglio aspettare almeno 20 minuti per evitare di compromettere la lievitazione.

#5 – Imburrare la tortiera + carta da forno

Una torta perfetta è una torta che non si spacca quando viene estratta dalla tortiera. Quindi, essenziale è non solo imburrarne per bene il fondo, senza dimenticare i bordi ed eventuali buchi centrali (come accade in alcuni stampi alti per dolci particolari), ma anche coprirla con della carta da forno: la probabilità di “incidenti” verrà, così, quasi eliminata!

#6 – Torta “a riposo”

Fondamentale, per ridurre ancora la possibilità di rovinare la sagoma, è lasciar riposare la torta all’interno del suo stampo, per qualche minuto, una volta sfornata. Che si appoggi sulla griglia e si lasci passare dell’aria, o la si capovolga, per fare in modo che perda l’eventuale “cupoletta” indesiderata sulla cima, l’importante è dare 10 minuti di assestamento alla base in modo che acquisisca una sagoma perfettamente cilindrica ed una consistenza più soffice.

#7 – Campana di vetro + mela

Una torta particolarmente grande potrebbe avanzare oppure essere divisa tra gli invitati: il segreto per conservarla più a lungo? Metterla sotto una campana di vetro insieme a mezza mela sbucciata! Diventerà, così, un’ottima compagna di colazione!

Potrebbe interessarti