Drink Station: l’ultima tendenza in fatto di matrimoni

Abbiamo detto tante volte che, per organizzare al meglio una location predisposta per accogliere gli invitati ad un buffet, è necessario suddividere le proposte drink e food in tavoli diversi, per evitare l’effetto caos.

Proprio da questo tipo di ispirazione sono nate tantissime idee diverse che si sono, nel tempo, formalizzate, come la caramellata o la tavolata dedicata a dolci particolari, tra cake popscupcake e altre ispirazioni monoporzione. Negli ultimi anni, grazie ad una tendenza anglosassone, sta spopolando tra i wedding planner anche la drink station, una porzione di sala dedicata esclusivamente a drink analcolici o leggermente alcolici, dove gusto, genuinità ed estetica si incontrano e diventano parte integrante dell’atmosfera.

Ma di cosa si tratta?

Una postazione dedicata a bevande tutta salute

Avete presente la confusione che si genera sui tavoli quando bevande e pietanze di concentrano disordinatamente tutte nello stesso posto?

Quello è uno spettacolo da evitare!

Con una drink station è possibile offrire ai presenti una postazione dove frullati, succhi di frutta, ma anche bibite classiche (come cola, acqua, limonata, tè), sono proposti in dispenser trasparenti dotati di rubinetto, accanto a bicchieri o boccali da riempire e, perché no, a portaghiaccio sempre pieni per un fresco refill.

Ma non bisogna pensare che si tratti di qualcosa di prettamente estivo: sono tantissime le proposte drink invernali che si possono fare in contesti come questi!

La drink station invernale

Una drink station invernale può proporre, ad esempio, vin brulé, caffè, cioccolata, tè caldo, orzo, camomilla e tisane, lasciando a disposizione tazze, bicchieri e cucchiai (perfetti i set da fonduta oppure in terracotta che trattengono il calore), ma anche biscotti, pasticcini, muffin e altri dolci monoporzione. Il tutto può essere abbellito e decorato con elementi tipici del periodo, dai rami secchi alle foglie autunnali fino ad inserti natalizi o prettamente invernali, come fiocchi di neve e lucine colorate.

La drink station estiva

In primavera ed estate sicuramente i colori si fanno più accesi ed anche i drink da servire si rinfrescano e diventano più vivaci: si possono preparare dei cocktail analcolici lasciando a disposizione pezzetti di frutta e rametti di spezie ed erbe aromatiche, oppure tè freddo, caffè del nonno, succhi di frutta per i più piccoli, sangria ed altre bibite rinfrescanti, proponendo tutto in brocche monoporzione chiuse e dotate di cannuccia, in dispenser che lascino intravedere il contenuto oppure in contenitori più scenografici, come un’anguria o una noce di cocco svuotata, bucata e dotata di rubinetto.

Insomma, nessun limite alla fantasia!

Potrebbe interessarti