Come si festeggia l’Immacolata?

L’Immacolata Concezione, in Italia, è una festività religiosa molto sentita che tra l’altro, nella maggioranza dei casi, coincide con il giorno della realizzazione dell’albero di Natale!

È festività ufficiale dal 1854, quando un dogma proclamato da papa Pio IX (con la sua bolla “Ineffabilis Deus“) stabilì che questa festa, celebrata in Oriente già dal VI secolo, diventasse effettiva anche in Occidente sulla base di un’antica tradizione cristiana: in sostanza, si festeggia il “concepimento senza peccato” della Vergine Maria che, a sua volta, avrebbe lasciato libero da ogni macchia, sin dal primo momento del concepimento, lo stesso Gesù Cristo.

Oggi identifica un giorno che viene condiviso da tutti, laici e religiosi, perché entrato completamente a far parte del calendario d’Occidente a tutti gli effetti, sancendo la prima vera festa che anticipa il periodo natalizio.

Festeggiamenti

Come detto, si tratta di una giornata che molti italiani dedicano alle decorazioni natalizie, tra albero, presepe ed altri addobbi.

È anche vero, però, che molte città, incluso quella partenopea, amano condividere delle tradizioni molto specifiche, legate proprio a questo giorno.

A Verbicaro, in provincia di Cosenza, ad esempio, c’è la “Perciavutta“, che significa “aprire la botte“, una festa popolare dedicata all’assaggio del vino nuovo che la tradizione vuole venga degustato insieme a crespelle farcite con alici salate, peperoni secchi e cavolfiore.

A Putignano, in provincia di Bari, invece, sono istituiti addirittura 9 giorni di preghiere e processioni, a partire dal 29 Novembre: in particolare, l’8 Dicembre, dodici membri di associazioni locali lasciano ai piedi di una statua della Madonna alcune corone di fiori bianchi. Una tradizione similare si tiene anche a Palermo.

A Castellamare di Stabia, in provincia di Napoli, vige la tradizione dei falò, assorbita dalla cultura contadina e rurale della regione. Un tempo il tutto era collegato al potere purificatore del fuoco.

A Nicotera, vicino Vibo Valentia, viene tramandata una leggenda che racconta del miracoloso ritrovamento in mare – da parte di alcuni pescatori – di una scultura della Vergine; tutto questo ha generato il culto di una processione dedicata, che porta la statua di Maria in prossimità del punto di ritrovo orignario.

In Sicilia, infine, si tiene la sfilata del Corteo storico di Caltagirone, una tradizione risalente addirittura al 1600.

Potrebbe interessarti