Come organizzare una festa di battesimo

Il battesimo è sicuramente una delle celebrazioni religiose entrate nella routine delle famiglie: un’occasione per far conoscere il nuovo arrivato ad amici e parenti e per festeggiare insieme.

Infatti, è un rituale che si compie, generalmente, entro l’anno di età del piccolo e che ha come sfondo il passaggio tradizionale in chiesa e, successivamente, un rinfresco con gli invitati.

Ma come organizzare il tutto?

Si può cominciare, per non perdere di vista nulla, a creare una lista contenente le cose da fare e le varie opzioni tra cui scegliere: aiuterà a tenere sotto controllo la situazione. Nel caos quotidiano, ogni imprevisto potrebbe essere fatale all’attenzione alle piccole cose!

Location e budget

Una vota stabilita la data in accordo con la chiesa di riferimento, bisogna preventivare un budget e capire se orientarsi su una sala da affittare oppure un ambiente casalingo, magari sfruttando il salone o il giardino.

Non è una cosa da sottovalutare perché decorazioni, inviti e moltissimo altro dipendono da questa scelta!

Tema e organizzazione

A seconda della tipologia di festicciola – un pranzo, una cena o un rinfresco con un ricco buffet -, ovviamente, l’intera organizzazione varia: nel caso gli invitati debbano servirsi da soli può essere funzionale ed esteticamente piacevole evitare il caos in un unico punto, disponendo le pietanze, le bibite e il coordinato scelto (piattini, tovaglioli, bicchieri etc) separatamente; se, invece, ci si siede a tavola tutti insieme, allora conviene organizzare le tavolate in modo che non vi siano “convivenze imbarazzanti”.

Anche il tema è importante: si può scegliere tra i classici rosa o blu ma anche qualcosa di completamente personalizzato, abbinando i colori che più si preferiscono. Con un set da tavola usa e getta sarà sicuramente più facile e meno stancante anche fare ordine a fine giornata!

Menù

La proposta relativa al cibo è importante che sia variegata e indirizzata a più tipologie di diete: in questo modo vegani, vegetariani, celiaci ed altri intolleranti, o anche semplicemente chi sta seguendo un regime alimentare controllato, non avranno problemi ad unirsi ai festeggiamenti e si sentiranno completamente accolti.

Regalini o bomboniere?

Oggi molti preferiscono donare una somma in beneficenza piuttosto che comprare bomboniere vecchio stile, ma si possono unire le due cose optando per materiale equo e solidale: moltissime associazioni di volontariato mettono a disposizione oggetti originali e davvero particolari da lasciare in ricordo agli ospiti.

L’alternativa, comunque, è preparare dei gift – soprattutto orientati ai bambini – che possano diventare il simbolo di questa giornata trascorsa insieme.

Angolo foto

Chi ha la mania delle fotografie da condividere sui social può pensare ad organizzare un piccolo angolo dedicato, con cornici di cartone colorato e tanti photo booth divertenti con cui sbizzarrirsi davanti alla fotocamera.

Torta

Impossibile non pensare alla torta, che apre la fase finale dei festeggiamenti e viene accolta sempre con gran entusiasmo: se non si vuole optare per la solita crostata, è possibile rivolgersi ad un vero e proprio cake designer che, per una spesa spesso tranquillamente affrontabile, potrà realizzare il dolce dei vostri sogni; il più gettonato? Il principesco a più ripiani!