10 idee per un guestbook fai-da-te

Il guestbook è diventato un elemento importante per ogni party: super personalizzato, pieno di firme e di dediche, è il ricordo perfetto di un evento, che regala emozioni, anche a distanza di anni, semplicemente sfogliandolo.

Inoltre, è un accessorio simpatico e di effetto da sistemare nella location dedicata ai festeggiamenti: quindi, se avete voglia di realizzare qualcosa di originale e fai-da-te, ecco qualche idea carina da sfruttare anche se non avete particolari e spiccate doti artistiche a supporto!

#1. Valigia dei ricordi

Una vecchia valigia, di quelle piene di tasche interne e dal colore sbiadito, cartoline d’epoca (potete stamparle anche da internet) e pennarelli: ecco tutto ciò di cui avete bisogno! Quasi a costo zero potrete, così, organizzare un angolo guestbook vintage, dove tutti gli invitati potranno lasciare un segno del proprio passaggio!

#2. Lettere in legno/compensato

Con del legno sottile o del compensato, per pochi spiccioli, è possibile far intagliare ad un falegname le lettere che compongono i nomi (o le iniziali) degli sposi, mantenendo una sagoma piuttosto grande in dimensioni: con dei pennarelli adatti (anche quelli indelebili), sarà possibile decorarle con tutte le scritte che desiderate!

#3. Ritagli di stoffa

Un’altra idea funzionale anche al riciclo è utilizzare degli scampoli di stoffa come tele… in questo modo, a fine party, potrete cucirli tutti insieme per realizzare un vero e proprio patchwork in ricordo della vostra festa, magari da tenere esposto in salone.

#4. Sassolini

I sassolini sono molto utilizzati non solo per il loro fine decorativo, ma anche perché è possibile lasciarvi su impressi dei pensieri. Quante volte lo abbiamo fatto d’estate, in spiaggia, magari al cospetto del nostro primo fidanzatino?

Rivisitando proprio quel concetto, è possibile procurarsi dei sassolini chiari, tutti più o meno simili e di dimensioni idonee, da tenere a vista in una scatolina, accanto a dei pennarelli: nessuno resisterà a lasciare il proprio contributo!

#5. Polaroid

Nell’era dei social, dove tutto è a prova di foto, perché non fare un guestbook dove al posto delle firme… ci sono degli scatti?

Basta creare un angolo apposito, magari con dei photo booth, e successivamente sviluppare le foto in formato Polaroid (meglio ancora se riuscite a procurarvi una di queste macchine da lasciare agli ospiti durante il party): potrete, poi, incollarle tutte su un album da conservare.

#6. Puzzle

Ancora con l’aiuto di un falegname, è possibile realizzare un puzzle con diverse tessere, di grandezza sufficientemente ampia per essere firmate: a fine serata, avrete dato vita al puzzle della vostra festa!

#7. Classic

Per chi ama un approccio più classico, ci si può procurare un libro di quelli con copertina in tessuto naturale (iuta) e pagine di foglie… un espediente davvero originale, eco e green per rendere speciale qualcosa di ordinario.

#8. Barattolini e mini pergamene

Molto in voga sono anche piccoli barattolini (o bottigliette) in vetro: trasparenti, luminosi, perfetti anche per riflettere lucine colorate, diventano degli scrigni per ospitare i messaggi degli ospiti, arrotolati in piccoli foglietti (tutti uguali) lasciati a disposizione su un tavolino.

#9. Stampa

Anche una grande stampa o una grande foto degli sposi su carta/cartoncino può essere un espediente simpatico per lasciare a disposizione degli invitati dello spazio da riempire con le proprie firme e dediche. Non c’è limite alla fantasia!

#10. Post-it

Colorati, sagomati in modi diversi e disponibili in tante misure, da quelle mini a quelle maxi: i Post-it sono, oggi, reperibili in infinite varianti e possono diventare un accessorio fondamentale per realizzare un guestbook originale!

Per conservarli, vi basterà mettere a disposizione un quaderno o un libro dalle pagine di carta dove attaccare ogni singolo messaggio: in seguito, si potrà ricoprire tutto, foglio per foglio, con del nastro adesivo, plastificare oppure ricorrere alle buste trasparenti da cartoleria!

 

E voi, avete già deciso come personalizzerete il vostro party?

Potrebbe interessarti